Che cosa facciamo

Siamo allenatori della forma mentis delle persone

…che devono adattarsi, in modo continuo, ai cambiamenti che la complessità (rivoluzione tecnologica, trasformazioni culturali, modelli di impresa, ecc.) impone alle loro organizzazioni.

Integriamo, in modo sinergico, tecniche e strumenti diversi per analizzare le esigenze del Cliente in un’ottica multidisciplinare di saperi, competenze, esperienze e specializzazioni diverse, secondo una logica di “contaminazione” e di crowdsourcing.

organizzazione agile & creativafood & managementneuroscience & managementscience & management
Come lo facciamo

In modo trasversale, diffusivo, continuativo.

IN MODO TRASVERSALE: per superare le barriere gerarchiche interne ed esterne e per integrare tutti i portatori di interesse nei confronti dell’azienda.

IN MODO DIFFUSIVO: per tesaurizzare, scambiare e valorizzare tutte le esperienze presenti all’interno e all’esterno dell’azienda.

IN MODO CONTINUATIVO: per rendere i processi di cambiamento uno stato fisiologico delle organizzazioni e non eventi eccezionali o fenomeni transitori.

Le modalità che utilizziamo

1

La contaminazione delle discipline

2

L’integrazione on-line e off-line

3

L'apprendimento esperienziale e collaborativo

4

Il Coaching

5

La Gamification

Le organizzazioni come sistemi di conoscenze

Le organizzazioni sono sistemi che continuamente si auto-costruiscono e interagiscono con l’ambiente esterno

Le organizzazioni sono entità che processano informazioni e conoscenze di tipo esplicito o di tipo tacito

Le conoscenze tacite sono quelle conoscenze che consistono in logiche, convinzioni, difficilmente esprimibili in quanto strettamente radicate nell’azione e nelle responsabilità di un individuo in uno specifico contesto, al punto che le si considera degli assunti scontati, delle banalità di cui non si riesce a dare una descrizione

Vi è quindi la necessità, per ogni organizzazione, di codificare anche le conoscenze tacite facendole diventare patrimonio comune

People 4.0

Nel mondo complesso nel quale le aziende operano, le persone sono tornate al centro della produzione di valore perché solo le persone riescono ad interpretare situazioni ambigue, scegliere tra alternative confuse, assumere rischi non calcolabili

Le imprese, per sopravvivere, devono incentivare la spinta al cambiamento della forma mentis delle loro persone per farle diventare sempre più interconnesse, tra di loro e con le tecnologie

Oggi si parla molto di Enterprise 4.0, un concetto centrato sui soli aspetti tecnologici e organizzativi. E’ più che mai necessario un salto di pensiero per dare rilevanza al concetto People 4.0 che esprime le potenzialità che la tecnologia offre alle persone, per vivere e lavorare meglio

IL CAMBIAMENTO DELLA FORMA MENTIS DELLE PERSONE INCIDE INEVITABILMENTE SUI PROCESSI ORGANIZZATIVI DELLE IMPRESE E SUL LORO MODO DI ESSERE

People 4.0: una diversa visione

Non sono le organizzazioni che cambiano le persone, sono le persone che cambiano le organizzazioni

Passare da una money-centered-economy ad una human-centered-society, in cui l’essere umano torni al centro della società e dell’impresa

Valorizzare sempre più le relazioni per poter mantenere in vita le nostre imprese: societing, social caring, internal branding, social collaboration, sono termini che indicano quanto il business debba essere partecipato, condiviso, co-progettato, co-costruito

Ascoltare i collaboratori, i clienti, i fornitori/partner, diventa non soltanto un mezzo per creare e vendere i nostri prodotti e servizi, ma uno strumento indispensabile per costruire una relazione che permetta alla community, che costituisce l’impresa, di disegnare insieme una nuova società; in caso contrario rischiamo di non avere più né clienti da servire né persone con cui dialogare

Far convergere progressivamente strategia di business e strategia digitale, implementando coerentemente modelli organizzativi e processi operativi

People 4.0: meno ipocrisia e più coraggio

Il circolo virtuoso